Crea sito

Acquasanta

 ESCAPE='HTML'

Google Map inquadra un triangolo verde, il Cimitero acattolico,  addossato ad una imponente costruzione quadrangolare, il vero  Lazzaretto (etimologia: Lazzaro risuscitato da Cristo). Il Nostro luogo di interesse è proprio il cimitero (dal greco  koimetérion ossia luogo di riposo) che ospitò fino ai primi del ‘900 quegli acattolici (non solo inglesi) presenti a Palermo. Vi si accede da via Simone Gulì, glorioso comandante del “principessa Mafalda”, (secondogenita di Vittorio Emanuele), affondato insieme al suo piroscafo al largo di Buenos Aires il 25 ottobre del 1927.

 ESCAPE='HTML'

“fu intrapresa  la fabbrica (…) per il comodo  di farvi  contumacia  di quarantena  le genti  qualunque  siensi  sospette  di mal contagioso, che qui giungono provenienti da lontani paesi”
Gioacchino Di Marzo , Diari della città di Palermo  dal secolo XVI al  XIX – vol. IV , Palermo 1873

 ESCAPE='HTML'

n. 1
Nella planimetria è evidente l’ingresso dal mare, foto esplicative dell’esedra (n. 1)   che conduce agli alloggi per la quarantena (n. 2).

 ESCAPE='HTML'

Teston. 2
Le epidemie sia di peste che di colera infestavano più facilmente le città sul mare, come Palermo, perché più raggiungibili dalle navi; dopo quella di peste del 1575, nota è l’epidemia del 1624 dovuta ad un vascello proveniente da Tunisi, risolta grazie al miracolo di Santa Rosalia; infatti, il 9 giugno 1625 il cardinale Doria, in occasione del ritrovamento delle ossa della Santa, organizza la prima grande processione per il Cassaro, al passaggio delle reliquie cessa la peste. Altra epidemia di peste, proveniente da Malta, nel 1771 obbliga il vicerè Fogliani a predisporre altri locali presso il Lazzaretto già eretto nel 1628.
Purtroppo la carestia del 1763 determinò una ulteriore grave epidemia: il colera. 
GIOVANNI MELI scriveva: ”Mmenzu  li strati  publici  lu passeggeru   abbrecca cu facci smunta  e pallida  cu pocu   d’erba in bucca”.
La gente moriva  ai margini delle strade, non c’erano  ricoveri sufficienti  a soccorrere  i deperiti  e i malati tanto che, il vicerè Fogliani   fu costretto il  27 marzo  1764 ad espellere dalla città i poveri  e gli ammalati, che venivano dai paesi  della provincia. 
Una nuova ondata di colera colpirà Palermo nel 1883, Leopoldo di Borbone affiderà il progetto di ampliamento del Lazzaretto a Nicolò Puglia.
W. Von Werdt, ufficiale del regno delle due Sicilie, morirà di colera il 30 novembre 1855 come riporta l’iscrizione della sua sepoltura all’interno del Cimitero Acattolico. 
Per coloro che dovevano trascorrere il loro tempo di quarantena due erano le possibilità: entrare in città dopo tale periodo o accedere da morti attraverso uno stretto cunicolo al cimitero per la sepoltura. (foto n. 3)

 ESCAPE='HTML'

 

n.3
LAEMOCOMIUM
AD – INSULAE – INCOLUMITATEM
PRIMUM – PHILIPPO IV – REGNANTE
ANNO MDCXXVIII – SUMPTU – PUBLICO – EXSTRUCTUM
DEIN – FERDINANDO IV – REGE
ANNO MDCCLXXI – INSTAURATUM
NUNC – TANDEM
PROVIDENTIA – OPTIMI – PRINCIPIS
FERDINANDO II.
LEOPOLDO – FRATRE – VICE – SACRA
AMPLATUM – EXPOLITUM – ABSOLUTUM
MARCHIONE . JOSEPHO – AREZZO – PRAESIDE
PRAEFECTIS
EQUITE – HERCULE – NASELLI – EX – PRINCIPIBUS – ARAGONIAE
ANTONINO – SPUCCHES –DE BRANCOLI – CACCADI – DUCE
JOSEPHO – MERLO –MARCHIONE –SANCTAE –ELISABETHAE
BARONE – MICHELE – CONIGLIO
MARCHIONE – JOSEPHO – UGO
FRANCISCO – BENZO – VERDURAE – DUCE – PRAECIPUE
SALUTIS – PUBLICAE – CURATORIBUS
PROCURANTIBUS
AN - MDCCCXXXIII

(SUPER OMNES) PESU, ROMNES – RETRO –AUGUSTIS – SICIL –AC – HISPAN – REGE
FILIPPO IV
PROREGE – OPT – PIO – D – FRANCISCO – FERNANDEZ – DE LA – CUEVA
ALBURQUERQUE – DUCE
QUO – SENATUS – PANORMITANUS – ET – CIVIUM – INCOLUMITATI – ET – REGNI
COMMODO – ET – AMANTISSIMI – REGIS – VOLUNTATI – TUM
PROSPICERET – CUM – OBTEMPERARET
PRAETOR – D – FRANCISCUS – VALGUARNERA – ASSORI – COMES – AC –
VALGURNERAE – PRINCEPS – CAP – D – PETRUS – PALACIO – HORATIUS
LOMELLINO – D – CAROLUS – DEL VAGLIA – CAMPIXIANO
ANDREAS – VESPASIANI – AGLIATA – FRANCISCUS – DEL COTTE
SIMON – BONACCOLTI – SENATORES – HOC – EDIFICIUM – ANNO

SUPERIORE – INCOATUM – NUMERIS – NUNC – ABSOLVENDUM
OMNIBUS – DILIGENTISSIME – CURAVIT – UT – IN – POSTERUM
AB – OMNI – PESTILENTIS – MORBI – SUSPICIONE – REGNI
CAPUT  SALVUM – INTEGRUMQUE – SERVARET – CIC.D-C-XXXI –

La “fabbrica” cui fa riferimento Di Marzo risale al 1628, sotto il regno di Filippo IV e il governo del vicerè F. F. De La Cueva duca di Albunquerque. Fu restaurata nel 1771 da Ferdinando IV e per opera del principe Ferdinando II ed il fratello Leopoldo è stata ampliata ed ultimata nel 1883.

 ESCAPE='HTML'

           n.4

“… ottenere sicurità influente al ben vivere… a questo scopo la istituzione dei monumenti …  diretti a sopprimere il germe dei mali contagiosi…  leggi di precauzione contro le febbri …  contro le pesti…  malattia, che merita isolamento”
                 Giuseppe Giliberto               
“… vi sono diversi magazzini, e diverse stanze per taluni, che in vece del bordo del bastimento, vogliono consumare in questo sito il periodo della loro contumacia”
                   Gaspare Palermo

SUPERIORE – INCOATUM – NUMERIS – NUNC – ABSOLVENDUM
OMNIBUS – DILIGENTISSIME – CURAVIT – UT – IN – POSTERUM
AB – OMNI – PESTILENTIS – MORBI – SUSPICIONE – REGNI
CAPUT  SALVUM – INTEGRUMQUE – SERVARET – CIC.D-C-XXXI –
PHILIPPO – IV – ISPAN – ET – II – SICIL – REGE –
D – FRANCISCO – FERNANDEZ – DELA – CUEVA –
DUCE – ALBURQUERQUAE – PRO – REGE –
ITALIA – FERE – TOTA – PESTILENTIS – LABORANTE – UT – REGNI – SICILIAE
CAPUT – ET – CORONA – PANORMUS – SALUTEM – PATROCINIO – 
SANCTE – ROSALIAE – CONCIVIS – E  - COELO – IMPETRATAM – CONSERVARET –
AEDIFICIUM – IN – QUO – GENTES – EARUMQ – RES – SUSPECTAE – EXPURGARENTUR –
…..USSU – PROVIDENTISSIME – CONSTRUCTUN – EST – ANNO – SALUTIS – M-D-CXXX –
GAMBACURTA – MARCHIONE – MOTTAE – PRAETORE –
…RGIAS – D – IOSEPH – ANTONIO – DE – BALLIS – ET – SOLLIMA – BARONE –
…LANCELOTTO – CASTELLI – BARONE – GNUTTALIARUM –
….MARTINO – DE – NERO - ……………..

 

 

 

 

 


Iscrizione latina ancora presente all’interno del vero e proprio Lazzaretto del barone Vincenzo Mortillaro
Il Lazzaretto verrà utilizzato come Manifattura Tabacchi, (foto n. 5) le ciminiere svettano ancora (foto n. 6) la cancellata lo divide dal cimitero (foto n. 7)
Dopo il 1885 gli edifici del Lazzaretto  furono adibiti a Manifattura dei Tabacchi  e la  nuova  costruzione assorbì parte dell’antico cimitero acattolico  o degli inglesi.

 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'

                               n. 6                                    n. 7
Preferiamo entrare al Cimitero Acattolico dalla via Amm. S. Gulì dove la scritta LAZZARETTO campeggia sul primo cancello (foto n. 8)

 ESCAPE='HTML'